Grecia: le isole degli dei nell'Egeo orientale

Durata 10 giorni

GRECIA: LE  ISOLE  DEGLI  DEI NELL’ EGEO ORIENTALE

Samos, Patmos, Kos, Rodi

19/28 settembre 2018 – dieci giorni

Aerei di linea Aegean Air, traghetti, pullman

Accompagnatore Culturale: Prof. Evangelos Karagiannis, storico dell’arte ed archeologo 

 

Il titolo che abbiamo dato a questo viaggio, "Le isole degli dei nell'Egeo orientale", può sovrapporsi - per dichiarazione tematica - a mète analoghe, sparse per tutto il mondo ellenico. Da un certo punto di vista l'escursione sulla linea insulare parallela alla costa anatolica costituisce dunque un completamento di conoscenza per quanti abbiano già percorso la Grecia continentale, il Peloponneso, e la fondamentale isola di Creta. In questo senso l'approdo a  Samos, quale omaggio alla nascita di Hera, la grande dea, si pone in  parallelo alla partecipata nascita cretese di Zeus, quasi a riprova che la suprema generazione olimpica viene dalle mirabili isole egee (specchio del fluire della civiltà da oriente ad occidente), e che la determinante idea mitica di una genìa di immortali simili all'umanità è nata davvero nella dimensione delle piccole terre emerse, tra il lucore abbagliante del mare degli eroi. Nelle isole sono nati Zeus ed Hera, Afrodite e Poseidon, Apollo e Artemide. Nelle isole gli dei sono stati venerati con un' intensità volitiva e sincera, dai primi xoana ai "naoi" posti nei siti più suggestivi della natura: nei boschi, presso le fonti, al cospetto del mare. Alla stessa dea della sapienza, Athena, è stata innalzata una platea sublime, in altezza impervia ma dominante il creato, a Lindos, laddove la bianca acropoli si sospende tra cielo e terra. E se a Rodi il culto di Apollo-Elios giunge all'incredibile monumentalità dell'antico Colosso (una delle sette meraviglie del mondo), qui pure la venerazione della dea dell'amore si discioglie nelle candide figure di Doidalsas, dove Afrodite si inginocchia graziosa per le abluzioni sacre. Gelosa è stata Coos della produzione delle sue tuniche, preziose e leggère, famose in tutta la Grecia antica (le coe vesti), ma orgogliosa certamente di avere consegnato ai figli di Elleno la nascita di Asclepio - figlio di Apollo e Coronide - il dio prodigioso della salute (raffigurato con la verga e il serpente), al quale fu seguace un altro figlio di Coos, il sommo medico Ippocrate. E qui nacque Apelle, il pittore incomparabile dell'età alessandrina. Patmos, infine, è l'isola-romitaggio per antonomàsia, labile persino nelle memorie della classicità. Per il suo isolamento fu scelta al tempo di Domiziano come luogo d'esilio (81-96 d.C.) dell'apostolo Giovanni, che qui vi compose l'Apocalisse. Dalle sue rocce si elevò pertanto l'ultimo volo biblico verso i misteri dell'infinito. Così dai frammenti abitati dell'Egeo sgorgò dapprima la religione naturale che vide gli dei in umane figure e passioni, eppoi si concluse l'elevazione mistica della verità ineffabile del Logos e della Parusìa, dovuta a colui "qui coeteris altius Dei patefecit arcana".

Un viaggio che sarà realmente un nutrimento di storia, di arte, di avvolgenze mitiche, di godimento di estreme bellezze naturali. Un viaggio-vacanza nel quale non mancano i pomeriggi al sole sulle spiagge di Rodi, la terra che fu detta "delle rose di Apollo".

- Giuseppe Adani



Condizioni di viaggio

QUOTA DI PARTECIPAZIONE INDIVIDUALE  

- minimo 25 persone                                                                € 2390,00.=

- minimo 20 persone                                                                € 2520,00.=

- minimo 15 persone                                                                € 2865,00.=

 

SUPPLEMENTO CAMERA SINGOLA:                                     €   450,00.=

 

VOLO E TASSE AEROPORTUALI/SECURITY/FUEL SURCHARGE  €   340,00.=

(Da aggiungere alle quote sopra indicate)

Importo attuale. La tariffa è soggetta a variazioni fino alla conferma definitiva del viaggio e delle prenotazioni. Le tasse aeroportuali sono suscettibili di modifiche  sino alla emissione dei biglietti che avverrà qualche giorno prima della partenza.  Solo in quel momento se ne conoscerà l’importo esatto.

Partenza prevista da Malpensa, e rientro a Bologna.     A richiesta possibili da/a altri aeroporti.

 

ASSICURAZIONE RINUNCIA  AL VIAGGIO (facoltativa)     €    115,00.=

(escluse malattie pregresse – franchigia 10%)

- Da decidere e pagare all’atto della prenotazione

 

LA QUOTA COMPRENDE:

Pullman Bologna/Malpensa traghetti Samos /Patmos, Patmos/Kos, Kos /Rodi pullman per trasferimenti visite ed escursioni accompagnatori Arteviaggi, culturale (prof. Evangelos Karagiannis) e tecnico (dr. Elisabetta Ranieri) sistemazione negli alberghi indicati,  camere a due letti con servizi privati. Pernottamento e prima colazione a buffet negli alberghi indicati 8 cene nei ristoranti degli alberghi o in ristorante 7 pranzi leggeri in ristoranti tipici durante le visite ingressi.  Samos: Museo Archeologico; Patmos: Monastero; Kos: Castello dei Cavalieri, Santuario di Asclepio; Rodi: Palazzo dei Cavalieri, Museo Archeologico, Acropoli di Lindos. assicurazione medico sanitaria, furto bagagli

 

LA QUOTA NON COMPRENDE:

Extra personali, pranzi 1°, 6°, 10° giorno, bevande ai pasti, mance, eventuali ulteriori ingressi a pagamento, facoltativi, quanto non espressamente indicato.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alberghi previsti:

19/21 settembre – due notti - Samos – PRINCESSA RIVIERA RESORT  – 4****            

                                                                                                                            www.princessa.gr

21/ 22 settembre – una notte - Patmos – PATMOS AKTIS – 4****                   www.partmosaktis.gr 22/24 settembre – due notti - Kos – AKTIS KOS – 4****                                 www.kosaktis.gr 24/28 settembre – quattro notti - Rodi – GQ HOTEL BOUTIQUE – 4****             www.gqhotel.eu

 

 

 

NUMERO MASSIMO PARTECIPANTI: 25 PRENOTAZIONI FINO AD ESAURIMENTO POSTI. PASSAPORTO INDIVIDUALE O CARTA D’IDENTITÀ VALIDA PER L’ESTERO   (NO RINNOVO CON TIMBRO) ALL’ATTO DELLA PRENOTAZIONE CONSEGNARE FOTOCOPIA DEL DOCUMENTO CON IL QUALE SI EFFETTUERÀ IL VIAGGIO I MENU DEI PASTI INCLUSI SONO CONCORDATI E FISSI; EVENTUALI INTOLLERANZE ALIMENTARI SONO DA COMUNICARE AL MOMENTO DELLA PRENOTAZIONE PER NECESSITÀ OD OPPORTUNITÀ, L’ORDINE DELLE VISITE PUÒ ESSERE MODIFICATO NON SONO ANCORA NOTI GLI ORARI ESATTI DEI TRAGHETTI FRA UN’ISOLA E L’ALTRA, ORARI CHE COMUNQUE DA QUESTE PARTI POSSONO CAMBIARE IN OGNI MOMENTO. PER CUI LO SVOLGIMENTO ESATTO DEI GIORNI IN CUI SONO PREVISTI TRASFERIMENTI IN TRAGHETTO SARANNO DEFINITI E GESTITI PRATICAMENTE SUL POSTO . ALLA PRENOTAZIONE, ACCONTO DI €URO 900. SALDO ENTRO IL 20 AGOSTO 2018 PAGAMENTO TRAMITE BONIFICO BANCARIO  CODICE IBAN:IT68O0611502400000000002376

 


Itinerario di viaggio

10 Tappe
Samos

Samos

1° giorno 19 settembre, mercoledì – BOLOGNA/ATENE/SAMOS

Ore 5,30 – Partenza da Bologna, autostazione corriere, piazzale interno, pensilina 25

Ore 5,40 – Bologna, viale Gandhi, fermata Atc Certosa Chiesa – direzione periferia

Successivi carichi ai caselli autostradali di Modena, Reggio Emilia, Parma, per il trasferimento all’aeroporto di Malpensa. Voli di linea Aegean Air Malpensa/Atene ore 11.00/14.30 ed Atene/Samos ore 16.15/17,10. Giunti a Samos,  trasferimento in albergo e assegnazione delle camere. Cena e pernottamento.

Samos

Samos

2° giorno 20 settembre, giovedì - SAMOS

Samos, prima colazione, cena e pernottamento in albergo. Pranzo in ristorante.

La giornata è dedicata alla scoperta di Samos, a partire dal cuore antico del capoluogo, dove ancora si respira un’atmosfera ottomana (l’isola è a soli 2 km. dalla Turchia, che qui ha signoreggiato per più di quattro secoli). Si visita l’importantissimo Museo Archeologico, con straordinari reperti provenienti dall’Heraion, il santuario legato al culto di Hera, che qui, nel fiume Parteniò, ha avuto i natali. Il giro dell’isola consentirà poi di godere di splendidi panorami di rocce strapiombanti sul mare, di dolci pianure lussureggianti di ulivi e di viti, di suggestive testimonianze della storia: resti bizantini, la rovine dell’Heraion, Pithagorio (il minuscolo centro dove nacque Pitagora) e il castello dei Logotheti, le rovine dell’antica Samos, con l’Epfalinio, il famoso acquedotto sotterraneo del VI sec.a.C.

Patmos

Patmos

3° giorno 21 settembre, venerdì – PATMOS

Dopo la prima colazione trasferimento in traghetto a Patmos, isola aspra e ventosa, la più settentrionale del Dodecaneso, legata all’imponente monastero-fortezza fondato nel XI sec. in onore di San Giovanni evangelista, che qui visse due anni in esilio scrivendo l’Apocalisse. Trasferimento in albergo e pranzo. Visita del capoluogo dell’isola, chiamato semplicemente Hora, città principale, stretta con le sue case bianche, i suoi vicoli tortuosi, le scalinate, i passaggi coperti, intorno al possente monastero fortificato. L’Aghios Ioanis Theologos è un complesso insieme di ambienti, chiostri, cortili, fondato nel 1088 e ampliato tra XV e XVII sec., con preziosi affreschi bizantini del XII sec. e una celebre biblioteca, che conserva, tra l’altro, un prezioso vangelo di San Marco del VI sec. Cena e pernottamento in albergo.

Kos

Kos

4° giorno 22 settembre, sabato – PATMOS/KOS

Prima colazione in albergo. Mattinata dedicata al completamento delle visite. Oppure tempo disposizione per riposo, un po’ di vita di mare o visite individuali.  Pranzo in ristorante. Imbarco sul traghetto per Kos. Arrivo, sistemazione in albergo, cena e pernottamento.

Kos

Kos

5° giorno 23 settembre, domenica – KOS

Prima colazione cena e pernottamento in albergo. Pranzo in ristorante.

La giornata inizia con la visita di Kos, il capoluogo dell’isola, patria di Ippocrate, il padre della medicina, e di Apelle, uno dei pittori più celebri dell’antichità. Vicina alla costa turca, con un terreno straordinariamente fertile, fu nell’antichità un ricco centro di commerci e perciò sempre contesa. Nel medioevo fu per due secoli, fino all’inizio del ‘500, tenuta dai Cavalieri di Rodi, e poi ottomana fino all’arrivo degli italiani, nel 1912. E’ greca dal 1948. A Kos, dopo uno sguardo reverente al platano centenario al centro della piazza dove Ippocrate insegnava, si visita il Castello dei Cavalieri, prima veneziano, poi genovese, infine dei Cavalieri, e poi gli scavi della città romana, con la grande villa, il ninfeo e l’Odeion. A pochi km. da Kos, alto su un colle è poi il santuario di Asclepio, dal quale si gode anche un immenso panorama sulla costa turca e sulle isole vicine. Una escursione lungo la strada che attraversa longitudinalmente l’isola, consentirà di apprezzare ancora una fortezza dei Cavalieri, una chiesa paleocristiana e i resti di un piccolo tempio di Demetra, vicino a Kefalos, un piccolo borgo stretto attrono ai ruderi di una fortezza e caratterizzato dalla presenza di vecchi mulini a vento. 

Rodi

Rodi

6° giorno 24 settembre, lunedì – KOS/RODI

Prima colazione  in albergo e pranzo libero.

Mattinata dedicata al completamento delle visite a Kos. Oppure a disposizione per riposo, un po’ di vita di mare o visite individuali. Navigazione da Kos a Rodi. Arrivo e visita panoramica della città nuova, molto dovuta alla presenza italiana: Mandraki (dove leggenda vuole che il maestoso colosso di Rodi segnasse l’ingresso al porto, ora si levano due colonne innalzate dagli italiani), la Nea Agorà, la chiesa di Agios Ioanis, piazza Giorgio II, il Municipio)

Trasferimento in albergo. Cena e pernottamento.

Rodi

Rodi

7° giorno 25 settembre, martedì – RODI

Prima colazione cena e pernottamento in albergo. Pranzo in ristorante.

Intera giornata dedicata alla conoscenza del capoluogo di Rodi, la maggiore delle isole del Dodecaneso, nata dall’amore tra Helios e la ninfa Rhoda, e ricca di boschi e di una lussureggiante vegetazione mediterranea. Fu degli Achei e poi dei Dori, e raggiunse una tale prosperità da poter dedurre colonie in Italia. Nel IV sec. a.C. era la maggior potenza navale del Mediterraneo orientale e poté quindi celebrare il successo contro i Macedoni innalzando il Colosso di Rodi, un enorme simulacro del dio Sole. Dopo i romani e un lungo periodo di contese tra Bizantini, Genovesi e Turchi, entrò in possesso dei Cavalieri di San Giovanni, che la tennero fino all’inizio del ‘500 e la segnarono profondamente dal punto di vista architettonico. Poi, come il resto del Dodecaneso, l’isola passò ai Turchi e, dopo la parentesi italiana, fu unita alla Grecia nel 1948. All’interno delle mura, che sono da sole un vero capolavoro di architettura militare, si visitano l’Ospedale dei Cavalieri, che ospita in alcuni ambienti il Museo Archeologico; la Via dei Cavalieri, la strada più suggestiva della città murata, bordata dagli edifici più prestigiosi; il Palazzo del Gran Maestro, ampiamente modificato dagli anni della costruzione, che conserva preziosi pavimenti rivestiti da mosaici romani e paleocristiani. con il quartiere turco, con le moschee, la Medersa e le piccole chiese risalenti ai sec. XIV e XV, la Piazza Ippocrate con la cinquecentesca Castellania, la Loggia dei Mercanti.

Rodi

Rodi

8° giorno 26 settembre, mercoledì – RODI

Pensione completa in albergo. Giornata a disposizione per riposo, un po’ di vita di mare o visite individuali. 

Lindos

Lindos

9° giorno 27 settembre, giovedì – LINDOS

Prima colazione cena e pernottamento in albergo. Pranzo in ristorante. Intera giornata di escursione a Lindos, sulla costa orientale dell’isola. Lungo la strada, si scorgono i resti di antichi castelli dei Cavalieri e si gode di magnifici panorami. Lindos, dalle case bianchissime e strette vie pavimentate a ciottoli bianchi e neri, si distende a mezza costa della collina, sotto la mole imponente e protettiva della fortezza. Una salita a piedi o a dorso di mulo conduce all’interno della cittadella, che racchiude l’Acropoli, con la scalinata di accesso ai grandi propilei, il tempio di Athena Lindia del IV sec a.C., il teatro, le rovine del tempio di Dionisio.  Dalla sommità si apre uno straordinario panorama sulla sponda turca e sulle coste meridionali dell’isola, con l’insenatura dove la tradizione vuole sia approdato l’apostolo Paolo, e l’Arcocrateion, monumento funebre ricavato in età ellenistica nella roccia che fronteggia l’Acropoli. Visita alla chiesa medievale del XV sec dedicata alla Vergine Maria, le cui icone ed affreschi sono stati riportati da un recente restauro  agli antichi splendori. 

Italia

Italia

10° giorno 28 settembre, venerdì – RODI/ATENE/BOLOGNA

Prima colazione in albergo. Trasferimento in aeroporto in tempo utile per i voli Aegean Air Rodi/Atene ore 10.10/11.10 ed Atene/Bologna ore 15.00/16.20. 

Richiedi informazioni
A partire da 2390 €

Lo trovi anche in