Cipro, uno scalo per l'Oriente

Durata 8 giorni

CIPRO

UNO SCALO PER L’ORIENTE

29 marzo/5 aprile 2018 – 8  giorni -

aereo di linea  e pullman

 

Speciale ArteViaggi

 

Nessuno lo ricorda più, oggi. Ma la sala che introduce alle sterminate raccolte d’arte del Metropolitan di New York è interamente dedicata a sculture e rilievi provenienti da Cipro, donate alla città da uno scultore e archeologo americano che s’era invaghito di quell’isola; il museo non esisteva ancora, e attorno a quel primo nucleo iniziò a formarsi. Fra tanti insigni capolavori quasi nessuno, ormai, si sofferma di fronte a quelle statue, perlopiù risalenti al quinto o sesto secolo prima della nostra era. Ma esse rivelano non poco del fascino di quell’isola, da sempre abitata e da sempre (e ancor oggi) scalo di genti, di merci e di culture provenienti in egual misura dalle vicine coste dell’Anatolia, della Fenicia, dell’Egitto e, soprattutto, della miriade di isole che la collegano alla terraferma greca. In ogni momento della sua lunga e avventurosa storia Cipro riflette i suoi numerosi rapporti con i popoli vicini, che più volte s’impadronirono del suo territorio, dei suoi preziosi scali: fu fenicia, persiana, egizia, greca, romana; e poi bizantina, e poi regno crociato, e poi ancora colonia di Venezia (che le diede l’ultima regina, Caterina Cornaro), prima di cedere all’inarrestabile espansione ottomana, che travolse i pur possenti bastioni che ancor oggi recingono la città di Nicosia, e che invano erano stati eretti solo un paio d’anni prima. Di tanto illustre e variegato passato l’isola conserva mirabili tracce: dagli stupendi mosaici pavimentali d’età romana alle chiese bizantine affrescate, dalle chiese gotiche franche alle fortezze crociate, fino a quei giganteschi, e inutili bastioni veneziani. Cipro fu, anche, uno degli ultimi possedimenti inglesi nel Mediterraneo; e anche questa presenza, che prosegue nell’imponente flusso turistico soprattutto estivo, ha lasciato ben visibile traccia: nell’atrio del museo archeologico siede, ancora, una severa e bronzea regina Vittoria, e nelle residenze d’anteguerra s’avverte lo stile coloniale britannico.

Eugenio Riccòmini



Condizioni di viaggio

QUOTA DI PARTECIPAZIONE INDIVIDUALE:                             

minimo 15 persone paganti                                                     € 1505,00.=

minimo 20 persone paganti                                                     € 1305,00.=

minimo 25 persone paganti                                                     € 1225,00.=

 

SUPPLEMENTO CAMERA DOPPIA USO SINGOLA:             €   360,00.=

 

Volo e tasse aeroportuali/security/fuel surcharge                    €    615,00.=       

Importo attuale. Soggetto a variazioni senza preavviso, sino alla emissione dei biglietti aerei, che avviene qualche giorno prima della partenza.  Solo in quel momento si conoscerà l’esatto importo.

ASSICURAZIONE RINUNCIA AL VIAGGIO (facoltativa)   €      90,00.=

(escluse malattie pregresse – franchigia 10%).

Da decidere e pagare all’atto della prenotazione

 

A richiesta

Camera superior vista piscina/mare garantita supplemento rispetto quote indicate

€ 240 per persona in doppia

€ 440 per persona in singola

 

 

 

LA QUOTA COMPRENDE:

pullman gran turismo per trasferimenti visite ed escursioni guida locale in lingua italiana accompagnatore tecnico Arteviaggi sistemazione in  albergo quattro stelle a Limassol camere standard a due letti con servizi privati, assegnazione occasionale viste interne, sulla piscina o sul mare. trattamento di mezza pensione in albergo con prime colazioni a buffet sei pranzi in ristorante in corso di visita vino locale (un bicchiere) ed acqua minerale ai pasti ingressi ai musei, monumenti e siti archeologici in programma facchinaggio all’aeroporto ed in albergo assicurazione medico sanitaria e furto bagagli permessi per il passaggio della linea di demarcazione

 

LA QUOTA NON COMPRENDE:

voli e tasse aeroportuali, extra personali, pranzi 1° e 8° giorno,  eventuali ulteriori bevande ed ingressi, facoltativi, mance personali, quanto non espressamente indicato.

 

Albergo previsto: MEDITERRANEAN – Limassol – 4**** -         www.medbeach.com 

Buon albergo moderno 4 stelle, situato sulla spiaggia sabbiosa di Limassol, a circa 10 km dal centro della città, è in una eccellente posizione per effettuare le visite e le escursioni sull’isola.

La sua collocazione sulla spiaggia e la sua struttura – piscina all’aperto, centro benessere, giardino – danno la possibilità di rilassarsi un po’ al rientro dalle visite ed escursioni.

Camere ben arredate con bagno (bidet, asciugacapelli doccia).

Ristoranti con cucina cipriota ed europea.

 

 

ACCONTO ALL’ATTO DELLA PRENOTAZIONE: €URO 650.= PIU’ COSTO EVENTUALE ASSICURAZIONE (€ 90). SALDO ENTRO IL 28 FEBBRAIO 2018  PER OPPORTUNITA’ O NECESSITA’ L’ORDINE DELLE VISITE PUO’ ESSERE VARIATO POSTI PULLMAN ASSEGNATI RISPETTANDO L’ORDINE DI PRENOTAZIONE (VERSAMENTO ACCONTO) PARTICOLARI ESIGENZE ALIMENTARI SONO DA COMUNICARE AL MOMENTO DELLA PRENOTAZIONE NUMERO MASSIMO PARTECIPANTI: 25

Itinerario di viaggio

8 Tappe
Cipro

Cipro

1°  giorno – 29 marzo giovedì  - … da Bologna a CIPRO

Ore 5,45 ritrovo dei sigg.ri partecipanti all’aeroporto Marconi di Bologna, banco accettazione Austrian Airlines e volo di linea Bologna/Vienna (ore 7,40/9,05) e Vienna/Larnaca (ore 10,25/14,30).  Giunti a Cipro, trasferimento a Limassol.  Sistemazione in albergo, cena e pernottamento in albergo.

Cipro

Cipro

2°  giorno – 30 marzo venerdì  -  TROODOS  MONTAGNE CIPRIOTA – KYKKOS

Prima colazione cena e pernottamento in albergo; pranzo in taverna

Intera giornata dedicata all’escursione che porterà direttamente nel cuore dell’isola, attraversando alcuni caratteristici villaggi dell’entroterra e passando sotto le pendici del monte Olimpo e la vetta di Troodos, la più alta dell’Isola. Visita Monastero di Kykkos, il più famoso e ricco di Cipro. Fondato nel 1100: possiede una delle tre icone esistenti attribuite a san Luca. Visita alla chiesa di Agios Ioannis Lampadistis*a Kalopanayiotis. La chiesa è stata dichiarata dall’UNESCO Patrimonio Culturale dell’Umanità. In origine un monastero, questo complesso consiste di tre chiese – Agios Herakleidios, Ioannis Lampadistis e, infine, una Cappella Latina, tutte sotto un unico grande tetto spiovente in legno. Si visiterà, inoltre, la chiesa dedicata all’arcangelo Michele*, dal 1474, situata nel villaggio di Pedoulas.

                                                   *più o meno un km a piedi per raggiungere le chiese

Cipro

Cipro

3°  giorno – 31 maro sabatoPAFOS

Prima colazione cena e pernottamento in albergo; pranzo in taverna

Intera giornata dedicata alla visita dell’area archeologica di Paphos, stupefacente condensato della storia cipriota. L’intera città è inserita nella lista ufficiale dei tesori culturali e naturali del patrimonio mondiale dell’Unesco. Da qualunque parte uno proceda, trova testimonianze della gloriosa storia che risale a migliaia di anni, quando fiorì in questo splendido angolo di mondo il culto della dea Aphrodite che emerse dal mare. La leggenda vuole che la dea della bellezza e dell’amore sia nata a Petra tou Romiou. Oggi è una piccola città aeroportuale, ma al tempo dei Greci e dei Romani era la capitale di Cipro (Kurion). Tutt’ora sotto l’incantesimo della sua bellissima dea, questa zona ha mantenuto la sua magia ed è rimasta intatta nel tempo. Maestosi paesaggi, costa incantevole, tesori storici.

Qui nel 47 d.C gli Apostoli Paolo e Barnaba convertirono il Proconsole Sergius Paulus al Cristianesimo rendendo Cipro, la prima zona ad essere governata da un cristiano.

Si visitano le Tombe dei Re (arte funeraria alessandrina del III sec a.C.), la casa di Dionisio e la villa di Teseo, dimore romane del III sec. a.C, con grandi pavimenti a mosaico riferentesi al dio del vino, considerati tra i più belli del Mediterraneo orientale.

Nell’entroterra di Paphos sorgono splendidi monasteri medievali in assoluta armonia con la natura. Al termine della giornata, tempo permettendo, visiteremo il Monastero di Ayios Neophytos, fondato alla fine del XII sec dall’eremita Cipriota Neofytos. Egli scavò inoltre una caverna sul lato della montagna vicina, dove è tutt’oggi possibile ammirare alcuni dei più belli e caratteristici affreschi bizantini del XII-XV sec. Infine, tempo permettendo la chiesa della Panagia Crysopolitissa, costruita nel XII sec. sulle rovine di una più grande basilica bizantina. All’interno si venera la colonna della flagellazione di S. Paolo,  che giunse a Paphos insieme a Barnaba nel corso del 45 d.C. agli inizi del primo viaggio missionario

Cipro

Cipro

4°  giorno – 1° aprile domenica - FAMAGOSTA (parte nord)

(Giorno della Festa Nazionale greco-cipriota)

Prima colazione cena e pernottamento in albergo; pranzo in taverna

Intera giornata in escursione A Salamis e Famagosta.

Visita di Salamis. Fondata da Tefkros, uno degli eroi di Troia, la città fu capitale di Cipro dalla metà del VII sec fino all’inizio del III sec a.C., per poi esserlo di nuovo all’inizio del IV sec d.C. dopo essere stata rinominata Constantia. Distrutta e ricostruita dopo due terremoti, Salamis ricorda al visitatore il suo passato di città tardo-romana; gli scavi archeologici hanno riportato alla luce una palestra, un teatro, un mercato, il tempio di Zeus ed una basilica. Qui nacque e fu ucciso San Barnaba il santo che aveva accompagnato San Paolo durante il suo viaggio attraverso Cipro. all’estremità occidentale della necropoli si trovano la chiesa e il monastero di S. Barnabas, costruito nel 477 D.C. e successivamente ristrutturato durante il periodo Ottomano nel 1756.

Si passa il “confine” e ci si dirige verso Famagosta.

Le mura veneziane abbracciano la vecchia città medievali di Famagusta. Di eccezionali dimensioni, con i suoi 18 metri di altezza e 9 di spessore, furono costruite nel medioevo e trattengono al loro interno qualcosa come 365 tra chiese e palazzi. Due dei suoi cancelli d’entrata sono tutt’oggi eretti: la Porta del Mare e il bastione Akkule, porta della terra.  La moschea Lala Mustafa pasha, la cattedrale di San Nicola, costruita dai Lusignani tra il 1298 e il 1312, fu cattedrale dei Re Lusignani di Cipro (Re di Gerusalemme) e fu il luogo dove Caterina Cornaro fu costretta ad abdicare il suo regno. , Qui aveva luogo l’incoronazione di molti dei sovrani di Cipro e Gerusalemme. Conquistata dall’impero ottomano, fu convertita in moschea. Un po’ di  tempo libero per passeggiare per le stradine di Famagosta e per  la “visita” della parte di Famagusta tristemente nota come “città fantasma”.

                                                               Escursione con  passaporto/carta d’identità.

Cipro

Cipro

5° giorno – lunedì 2 aprile - LARNACA

Prima colazione cena e pernottamento in albergo; pranzo in taverna.

Visita al sito antico di Chirokoitia,  incluso dal 1998 nella lista ufficiale dei siti archeologici dell’Unesco. Il sito è d’origine Neolitica ed è stato classificato come quello che ha mantenuto il migliore aspetto nell’area dell’intero mediterraneo. Proseguimento per il villaggio di Kiti e visita della chiesetta di Santa Maria degli Angeli, con uno splendido mosaico del VI sec d.C., raffigurante la Madonna ed il Bambino Gesù tra gli arcangeli. Visita poi alla Moschea di Tekke, costruita dal Sultano Hala nel 1816 in onore della zia di Maometto (che mori in questo luogo durante le prime incursioni arabe); sorge sulle rive del lago salato ed è un  rinomato Santuario di culto musulmano, Proseguiremo poi per Larnaka, tranquilla cittadina che sorge sulle rovine dell’antica Kition, visita della cattedrale di San Lazzaro con la sua stupenda iconostasi in stile barocco.

Cipro

Cipro

6°  giorno – martedì 3 aprile -   TROODOS  MONTAGNE CIPRIOTA

Prima colazione cena e pernottamento in albergo; pranzo in taverna.

Ancora una stupenda giornata all’interno dell’isola, sui Monti Troodos, le cui risorse minerarie e forestali appaiono i veri artefici della storia cipriota (il rame ha chiamato sull’isola nell’arco di tremila anni Fenici e Assiri, Egizi e Persiani, Greci e Romani. Si attraversano villaggi di montagna, rimasti intatti come un tempo, tenuti tali da generazione in generazione. Si inizia l’escursione visitandola chiesa di Panagia Tis Podythou, fondata nel 1502. Si prosegue per il tradizionale villaggio di Kakopetria; la parte antica del paese è stata dichiarata area protetta nazionale e le vecchie case tradizionali restaurate. In seguito la chiesa di Agios Nikolaos tis Stegis completamente ricoperta di affreschi murali del 11°/17° sec d.C. ed è considerata come uno dei maggiori punti di interesse bizantino dell'isola. La giornata terminerà con la visita al Monastero di Stravros (della Santa Croce), eretto nei primi secoli cristiani sulla grotta dove era stata rinvenuta una reliquia della Santa Croce, al centro del villaggio di Omodhos.

Cipro

Cipro

7°  giorno – mercoledì 4 aprile -  LEFKOSIA (NICOSIA)

Intera giornata dedicata alla visita di Lefkosia (Nicosia), la capitale di Cipro. E’ città di grande interesse,  sia per la particolarità di città divisa in due parti (unica città in Europa…), sia per la ricchezza di reperti archeologici ed artistici racchiusi nei suoi musei. In prima mattinata, visita al Museo Archeologico Nazionale dove sono esposti vari reperti dall’età neolitica in poi. Dopo aver passeggiato per le piccole viuzze all’interno delle mura veneziane, proprio nel centro storico di Laiki Yitonia, passeremo vicino alla linea di demarcazione che divide la città in due. L’escursione continua all’Arcivescovato, sede della chiesa ortodossa di Cipro, dove si visita il Museo Bizantino, considerato uno dei più importanti in Europa e la Cattedrale di San Giovanni il cui interno è impreziosito da bellissimi affreschi.

Passaggio a piedi nella parte turco-cipriota (Ledra Street) per visitare la bellissima cattedrale gotica di Santa Sofia trasformata ora in moschea, ed il Caravanserraglio di  Büyük Han, vero gioiello considerato uno degli edifici più belli di tutta l'isola.  

                                                                   Escursione con  passaporto/carta d’identità.

Italia

Italia

8° giorno  - giovedì  5 aprile - … da Cipro a Bologna           

Prima colazione in albergo e pranzo libero.

Tempo a disposizione per un po’ di riposo, passeggiate sul lungomare ed acquisti.

Trasferimento in pullman all’aeroporto di Larnaca in tempo utile per il volo Austrian Airlines Larnaca/Vienna (ore 16,50/19,15) e Vienna/Bologna (ore 20,15/21,35).

Richiedi informazioni
A partire da 1505 €

QUANDO PARTIRE


29
Marzo

Singole
Periodi
Garantite
Ultime disponibilità
Speciale Capodanno
Partenze complete


Lo trovi anche in