Etiopia, la Rotta Storica

Durata 12 giorni

ETIOPIA

La Rotta Storica

Viaggio di Gruppo - Minimo 2 partecipanti - 12 giorni /9 notti

 

Date di partenza libere da Gennaio a Settembre 2020

 

Un tuffo nella storia e nelle tradizioni dell’antica Etiopia: ripercorrendo la Rotta Storica si partirà alla scoperta  di chiese, castelli e palazzi che narrano una millenaria cultura. Le chiese del Tigray, le steli di Axum, le isole e i monasteri del lago Tana. Lalibela, la Gerusalemme d’Africa, con le sue undici meravigliose chiese monolitiche scavate nella roccia.

 

 

 

Plus Viaggi dell’Elefante:

-          Guida in italiano per tutto il tour

-          Spostamenti in land cruiser 4x4

-          Assistenza in Italia 24/7

-          Assistenza in loco in lingua italiana

-          Strutture di alto livello (migliori disponibili per ogni zona)



Condizioni di viaggio

Strutture considerate o similari:

Addis Abeba                                      Sheraton

Bahar Dar                                           Kuriftu Resort o Avanti hotel o Blue Nile Resort

Gondar                                                Hotel Goha   o Ah Hills

Axum                                                   Yeha o Sabean

Hawzien/Makalle                            Hotel Gheralta o Wukro Lodge o Planet o Axum

Lalibela                                                Maribela o Mezena

Addis Abeba (day use)                  Sheraton 5*

 

NB: Si prega di notare che gli alberghi elencati sono puramente indicativi e dipendono esclusivamente dalla loro disponibilità al momento della prenotazione. In caso di indisponibilità, la struttura sarà sostituita con altra e/o l’ordine delle tappe sarà variato senza compromettere la buona riuscita del viaggio.

 

 

 

 

 

CONDIZIONI DI VIAGGIO

Viaggio di gruppo - Minimo 2 partecipanti

Prezzi per persona a partire da:

 

Camera doppia base 2 pax                                          da Euro 5.170,00

Camera doppia base 4 pax                                          da Euro 4.020,00

Camera doppiabase 6 pax                                          da Euro 3.490,00

 

Supplemento singola                                                   Euro 595,00

 

Tasse aeroportuali                                                  circa Euro 265,00

Quota iscrizione                                                       Euro 70,00 (inclusa medico – bagaglio)

Protezione Elefante (annullamento)                http://www.viaggidellelefante.it/doc/Protezione_Elefante.pdf

 

 

La quota comprende:

-          Voli Ethiopian Airlines in classe economica dedicata, da Roma o Milano

-          Voli interni con Ethiopian Airlines

-          Pernottamenti negli alberghi menzionati o pari categoria

-          Camera day use fino alle 1800 la sera della partenza ad Addis Abeba

-          Guida locale in lingua italiana per tutto il viaggio

-          Trasferimenti e visite con veicolo Toyota 4x4 Land Cruiser (per tutto il tour tranne ad Addis Abeba)

-          Pasti come da programma (bevande escluse)

-          Attività, visite ed escursioni da programma, con entrate a siti e musei indicati

-          Escursione in barca (non in uso esclusivo) sul lago Tana

-          Trasferimenti da/per gli aeroporti in Etiopia

 

La quota non comprende:

-          Le tasse aeroportuali e pacchetto assicurativo (vedi sopra)

-          Il visto d’entrata a in Etiopia (USD 50,00 da pagare in loco oppure online)

-          Pasti non indicati e bevande

-          Spese per foto e video

-          Mance e tutto quanto non espressamente indicato alla voce “la quota comprende”.

 

Cambio adottato: Euro 1 = 1,14 USD

 

 

NOTA SUL VISTO: il visto può essere ottenuto all’ingresso del paese al costo di circa USD 50,00 per persona;

in alternativa, dal 12 Giugno 2017 è stato avviato un di servizio di “e-visa” (rilascio visto elettronico) che si affiancherà alle modalità tradizionali (richiesta all'Ambasciata di Etiopia di Roma oppure direttamente all'arrivo all'aeroporto di Addis Abeba). L'e-visa viene rilasciato on-line collegandosi alla pagina https://www.evisa.gov.et/

 

VACCINAZIONI:Il certificato di vaccinazione contro la febbre gialla è raccomandato; è invece obbligatorio per i viaggiatori provenienti dai Paesi a rischio di trasmissione della malattia.

È consigliata la profilassi antimalarica e ad ogni modo invitiamo i gentili viaggiatori a voler consultare prima della partenza l'ufficio dell'Asl o di vaccinazione internazionale.

 

 

PRO & CONTRO DEL VIAGGIO

Dedicato al viaggiatore esperto con spirito di adattamento e la consapevolezza di visitare un Paese meraviglioso ma con strutture ricettive e infrastrutture non sempre simili a quelle europee.

Viaggio alla scoperta dell’Etiopia, lungo la Rotta Storica. Gli spostamenti via terra sono abbastanza lunghi. Alcuni tratti sono disagevoli. Si sale in altitudine pertanto consigliamo di verificare lo stato di salute con il proprio medico. Le sistemazioni, sebbene le migliori esistenti, non sempre corrispondono ai nostri standard europei, soprattutto fuori da Addis Abeba. Alcuni alberghi possono presentare carenze imputabili, a volte, a una scarsa e non sistematica manutenzione. Talvolta può accadere che lo svolgimento di alcune visite o la resa di parte dei servizi possa variare in corso d’opera, per motivi tecnici o climatici. Alcuni pasti, come evidenziato nel programma di viaggio, sono picnic poiché non disponibili ristoranti adeguati lungo il percorso. La bellezza dei paesaggi, punto focale del viaggio, ripagherà dei piccoli disagi o imprevisti che talvolta accadono.

 

 


Itinerario di viaggio


Partenza

Partenza

1° giorno,  Italia – Addis Abeba

In serata, partenza da Roma o Milano con volo di linea Ethiopian Airlines per Addis Abeba. Pasti e pernottamento a bordo.

Addis Abeba

Addis Abeba

2° giorno, Addis Abeba

Arrivo al mattino su Addis Abeba, disbrigo delle procedure di immigrazione e ottenimento del visto (Usd 50,00 par persona circa). Mattina libera.  Regolare check-in alle 1400 circa.

Pomeriggio (14:00) dedicato alla visita dei luoghi e monumenti più significativi della capitale. Primo fra tutti si visiterà il Museo Nazionale, interessante per i reperti sabei, che testimoniano lo scambio culturale tra l’altopiano etiopico, la costa eritrea e la penisola arabica, sia per i suggestivi abiti indossati un tempo dalle alte cariche dell’Impero, ma sopratutto per Lucy, il piccolo scheletro ritrovato negli anni ’70 nella valle dell’Awash e appartenente ad un ominide, l’Australopithecus Afarensis, vissuto tre milioni e mezzo circa di anni fa. Questo scheletro è considerato il più importante ritrovamento archeologico in quanto tra i piu` completi e quindi utile agli studi. Si prosegue la visita di Addis Abeba che è una delle più belle capitali d’ Africa: il suo movimento e i suoi diversi piani offrono prospettive di osservazione sempre nuove. Si continuerà poi con il raggiungimento del punto panoramico.

Axum

Axum

03° giorno Addis Abeba – Axum (in volo)

Prima colazione. Partenza con volo di linea per raggiungere Axum. La città fu capitale del più grande regno dell’antichità africana. Il regno axumita nacque qualche secolo prima di Cristo e le colossali stele e le rovine dei palazzi danno un’idea della sua potenza. Qui è conservata, secondo la tradizione etiope, la mitica "arca dell’alleanza" contenente le originali "tavole della legge" consegnate da Yahweh a Mose` sul monte Sinai, poi rubate dal Tempio di Gerusalemme da Menelik, primo Imperatore d' Etiopia, figlio della Regina di Saba e di Re Salomone. Le glorie di questo antico e reale passato sono manifeste negli altari votivi eretti dagli antichi re e nei resti del cosiddetto "Palazzo della Regina di Saba". Visita dei luoghi e monumenti piu` significativi della citta`: la tomba del Re Kaleb, personaggio molto importante della storia Axumita, la vicina tomba del Re Ghebre Meskel, figlio di Kaleb, su un promontorio che domina la piana della catena montagnosa di Adua dove e` avvenuta la battaglia di Adua e gli avvallamenti verso l’ Eritrea; il Parco delle Stele, con i suoi monoliti grezzi o scolpiti, eretti o crollati, la tomba del Re Remhai autore delle stele ancora tutti circondati da molti interrogativi; le rovine del Palazzo della Regina di Saba, la Chiesa Di Mariam di Tsion che nella vicina cappella e` custodita, secondo la credenza dei fedeli, l’ arca dell’ alleanza; il museo, piccola struttura che ospita reperti molto interessanti legati all’ antica storia commerciale del regno Axumita, pre-axumita, post-axumita, con l’ Egitto e la penisola -sud- arabica; il Parco della Stele di Ezana, considerato il primo Re cristiano per la storia etiope; molte altre. Pernottamento in hotel.

Regione del Tigray

Regione del Tigray

4° giorno Axum – la Regione del Tigray

Dopo la prima colazione partenza per la Regione del Tigray. Axum e Macalle sono le due cittadine più settentrionali del circuito.  Dopo pochi chilometri si passerà per la vallata di Adua. Da Axum il percorso vi farà attraversare tutta la regione dove sono situate molte delle tante chiese rupestri del Tigray e taglia decisamente in direzione sud riservando l’incontro con due luoghi molto importanti nella storia etiope: Yeha, famosa per il tempio detto “Tempio della Luna” che risalirebbe all VIII secolo A.C., poi convertito a luogo di culto cristiano. Si visiterà anche l’adiacente museo con molti reperti precristiani ed altri ritrovati della zona ed il piccolo tesoro della vicina chiesa. Proseguimento per raggiungere la chiesa di Wikro Cherkos. Proseguimento poi per Hawsen o Wikro o Makalle.

Pernottamento presso Agoro lodge a Wikro o Gheralta lodge a Hawsen o Planet hotel a Makalle.

Lalibela

Lalibela

5° giorno Regione del Tigray – Lalibela

Prima colazione. Questa giornata di trasferimento di circa 440 km è una rivelazione di continua di scorci bellissimi e improvvisi con molte soste panoramiche in quanto attraverseremo territori continuamente differenti fra loro su una strada che sale e scende mantenendosi ad una quota di circa 2400 metri. Visita durante il percorso della chiesa di Yemerehenna Kristos. Pranzo al sacco durante il percorso; cena e pernottamento in albergo a Lalibela.

Lalibela

Lalibela

6° giorno Lalibela

Prima colazione al lodge. Lalibela, scoperta per la prima volta dagli europei nel 1520, è rimasta sempre isolata a causa del dificile accesso che ne ha mantenuto intatta l’originalità e la bellezza. Situata in una ridente conca che sembra che sembra nascondere le sue 11 chiese monolitiche scavate nella roccia e ancora oggi in uso. Sarebbero state costruite prima del 1255 e nell' arco di 23 anni da Lalibela, Imperatore della dinastia Zague`, forse ad opera di artigiani copti venuti dall' Egitto o da Gerusalemme. Le chiese sono tutte ricavate in un unico grande masso di grès rossastro, scavato all' interno e lavorato esternamente in modo da assumere la forma di tetto, facciata e pareti ed infine traforate per ottenere porte e finestre. Il complesso architettonico, considerato uno delle meraviglie del mondo, è sotto il patrocinio dell’Unesco. È uno spettacolo osservare l’arrivo all'alba dei pellegrini per le funzioni quotidiane.  Cominciando dal primo gruppo che comprende, tra le altre Bete Mariam, con gli stupendi affreschi dai delicati colori, e la più imponente Bete Medane Alem. Si passera` a visitare le chiese del secondo gruppo con le chiese di Bete Ghebriel Bete Amanuel. Si ammirera` per ultima la chiesa ipogea e cruciforme di S. Giorgio, ultimo lavoro del re Lalibela. Grande è l’opera di scavo e cosi semplice, monocromatico e sobrio il risultato finale di questo lungo, incredibile lavoro di scultura. Pasti e pernottamento in hotel.

Gondar

Gondar

7° giorno Lalibela – Gondar

Dopo la prima colazione si prosegue in auto per Gondar, che divenne centro dell’impero nel XVII secolo con il Re Fasiladas. Si incontreranno splendidi paesaggi durante il percorso. Pranzo al sacco; cena e pernottamento albergo a Gondar.

Monti Semien

Monti Semien

8° giorno Gondar - Monti Semien - Gondar

Prima colazione. Escursione ai monti Semien con paesaggi spettacolari e la possibilita’ di vedere gli endemic babbuini gelada, il Walia Ibex e il Lammergeyer. Visita anche di un villaggio Falaschia (gli ebrei Etiopi) e un villaggio Amara. Pranzo al Semien lodge o Limalimo lodge; cena e pernottamento in albergo a Gondar.

Bahir Dar

Bahir Dar

9° giorno Gondar – Bahir Dar

Prima colazione. Mattina visita della città di Gondar. La città è situata su una piatta dorsale che da una corona di monti elevati oltre 3000 metri scende verso sud. Sede degli Imperatori d'   Etiopia nei secoli XVII e XVIII, essa conserva di quell' epoca le pittoresche rovine dei celebri castelli imperiali ed alcune delle sue 44 antiche chiese; quando il figlio di Susenios, Fasiladas il Grande (1632-1667), intorno al 1635 la elesse la sua capitale permanente, facendovi poi costruire grandiosi eifici, Gondar non era che un villaggio insignificante. I costruttori sarebbero stati meticci portoghesi, levantini e indiani. Il grande castello di Fasiladas con quattro torri angolari rotonde e un torrione quadrato, la cui elegante facciata ricorda vagamente le costruzioni del nostro Rinascimento, è a due piani con slanciati portali e finestre in tufo di un bel colore violaceo. Dopo aver visitato il complesso dei castelli, in parte danneggiati dai bombardamenti inglesi durante la fase di liberazione dall’ occupazione italiana in quanto il complesso era il quarter generale dell’esercito con l’ufficio del generale Badoglio, si passera’ a visitare il bagno del Re Fasiladas. Il bagno di Fasiladas, costituito da un padiglione rettangolare, fu luogo di delizie di Fasiladas e dei suoi successori ed è ora teatro della piu` animata e colorata delle feste religiose etiopi: Timkat, l’Epifania, che commemora qui, tra spruzzi, bagni collettivi e danze ritmate dai tam-tam, il battesimo di Cristo. Un’ altra meta da visitare sara` il castello della Regina Mintewab, consorte del Re Bekafa e madre del Re Eyasu ultimo governante della dinastia di Gondar, con annessa chiesa della Maria di Qusquam distrutta dall’ invasione dei Dervisci del Sudan. Si potra` visitare anche la famosissima chiesa di Debre Birhan Sellasie fatta costruire da Eyasu I, nipote di Fasiladas, esempio fra i più significativi dell’arte figurativa etiope del XVII secolo con i dipinti angelici sul soffitto. Si vedranno costruzioni di minor interesse storico e la piazza principale con numerose costruzioni di stile fascista a testimonianza dell’invasione in Etiopia.

Partenza nel pomeriggio in direzione di Bahir Dar (185 km). Si attraversera` la regione Amara con i suoi campi coltivati e con il castello di Guzara. Si costeggera` il lago Tana e sosta per vari punti panoramici prima di attraversare una delle valli più fertili d’Etiopia, la valle di Fogera per raggiungere Bahir Dar per mezzogiorno. 

Pomeriggio visita di Bahirdar, la vista sul lago Tana e fiume bilo dal palazzo di Bezait, la visita delle produzioni delle barche di papiri, e visita del mercato.

Pranzo in un ristorante in citta' a Gondar; cena e pernottamento hotel a Bahirdar.

Bahir Dar

Bahir Dar

10° giorno Bahirdar

Prima colazione. Mattinata dedicata alla visita alle cascate del Nilo Azzurro che distano 35 kilometri circa da Bahir dar. Secondo un’antichissima leggenda, il Nilo Azzurro scendeva dal cielo: erano le lacrime della dea Iside, alla ricerca del suo amato sposo Osiride ucciso dal fratello Seth, ad originare le piene del fiume. Esso scorre tranquillo tra rive distanti circa 250 metri e rivestite di lussureggiante vegetazione, si allarga fino a formare un fronte di quasi 500 metri e, dividendosi in quattro bracci precipita con un salto di 45 metri in una stretta e pittoresca gola: la cascata di Tiss Isat è descritta dai viaggiatori come una delle piu` belle del mondo. Con le vetture si giunge nei pressi del ponte costruito dai portoghesi nel XVI secolo, la` dove il fiume, stretto in una gola, arriva a 35 metri di profondita`. Si prosegue poi a piedi per una mezzora circa fino al terrazzo naturale che si affaccia sulle maestose cascate. Purtroppo la costruzione di una diga per la produzione di energia elettrica ha sensibilmente diminuito la portata d’ acqua delle cascate. Si proseguirà per un’ora per raggiungere la base delle cascate per poterle ammirare dal basso e ricevere qualche spruzzata di questa freschissima acqua. Si prosegue per circa altri 30 minuti di passeggiata tra campi coltivati a sorgo, a teff, il cereale con il quale si produce l’injera; tipico pane etiope, attraversare il fiume Nilo in barca e riraggiungere le vetture.

Ritorno a Bahir Dar per pranzo.

Nel pomeriggio navigazione sul lago Tana per raggiungere la penisola di Zeghie (2½ ore circa) dove sorgono varie chiese da poter visitare. La prima sara`la chiesa di Ura Kidane Mehret, altro esempio significativo dell’arte medievale etiope. Questa chiesa viene considerata tra le piu` belle chiese da visitare. La si raggiunge dopo circa mezzora di cammino dallo sbarco. Si ritorna sulla barca per raggiungere la vicina chiesa di Azoa Mariam sempre sulla penisola. Anche questa chiesa è sempre come le altre risalenti al 16 esimo secolo. C’e` da notare che quasi tutte le chiese esistevano gia sulle isole e penisole molto prima del 16 esimo secolo ma sono diventate importanti e ricche di tesori appunto verso la fine del 1500 quando re e custodi di tesori per sfuggire a varie incursioni hanno cercato di nascondere codesti tesori in zone inesplorate e remote quali queste zone. Se tempo permette si potrà visitare un’altra chiesa, e in caso contrario si farà ritorno a Bahir Dar per cena e pernottamento.

Rientro

Rientro

11° giorno Bahir Dar – Addis Abeba (in volo)

Prima colazione e volo di linea per Addis Abeba. Arrivati a Addis Ababa, camere a disposizione fino alle ore 18. Pomeriggio visita della zona del Mercato. Il piu` grande mercato aperto d’ Africa. Qui si muove la vita quotidiana di buona parte della metropoli. Si puo` trovare di tutto e a qualsiasi prezzo, dal meno caro al piu` caro. È suddiviso in zone per tipo di mercanzia.   Visiteremo prima la zona dove si vende tutta la roba di elettronica.   Vedremo migliaia di negozi piu` o meno grandi che vendono solo roba elettronica. Si passa poi alla zona delle stoffe, poi a quella delle spezie, cestini, frutta, verdure e cosi via. Al Mercato c’e` anche la moschea di Anwar che è la più grande in Etiopia e terza in Africa. Cena in ristorante tradizionale con danze etniche. A seguire trasferimento in aeroporto per il vostro volo di rientro in Italia.

Italia

Italia

12° giorno Addis Abeba - Italia

Dopo la mezzanotte volo per Roma o Milano. Arrivo in Italia e fine servizi.

Richiedi informazioni
A partire da 5170 €

Lo trovi anche in


Cultura

Tipologia

Africa

Area

Garantiti Min. 2

Catalogo