Tajikistan, Cina e Pakistan - Pamir e Karakorum highway

Durata 15 giorni

TAJIKISTAN, CINA & PAKISTAN

PAMIR & KARAKORUM HIGHWAY in  16 GIORNI

Esclusiva Viaggi dell’Elefante

Partenza di gruppo minimo 10 partecipanti

Con Accompagnatore dall’Italia

Dal 12 al 27 Agosto 2020

 

Un viaggio imperdibile per tutti i grandi viaggiatori, lungo strade sconosciute che attraversano paesaggi selvaggi e unici nel proprio genere. Si attraversano le strade più alte del mondo, la Pamir & Karakorum Highway. Si percorre la parte iniziale del viaggio lungo il confine con l’Afghanistan , per poi attraversare

la catena montuosa del Karakorum, dove si trovano alcune delle cime più alte del mondo.

Dalla remota Valle di Wakhan, al Kargosh Pass (4344 Mt), al Kunjerab Pass (4.655 m), lungo la Karakorum Highway, da Passu a Karimabad costeggiando le rive del lago di Attabad, formatosi nel 2010 in seguito a una colossale frana, dalla valle di Hunza al superbo ghiacciaio della valle di Nagar, da Gilgit al Baltistan, con Skardu e Shigar, fino alle rovine dell’antica Taxila (Patrimonio UNESCO). Un viaggio che offre anche l’incontro con popolazioni interessanti che a causa dell’isolamento geografico hanno mantenuto le loro tradizioni: le etnie dell’Asia centrale, i nomadi degli altopiani, che pascolano le greggi di pecore e yak; i longevi hunza, spesso centenari probabilmente grazie alla loro dieta a base di albicocche.

Uno degli itinerari più belli che un vero viaggiatore può effettuare.

 

NB: Il programma di viaggio, così come l'ordine delle visite e gli operativi voli, per motivi tecnici e/o operativi, può essere modificato in loco senza preavviso.

 

 

INFORMAZIONI IMPORTANTI:

 

  • Un viaggio composito che attraversa tre Paesi diversi. Necessita di una buona capacità di adattamento, specie a livello di cibo e sistemazioni, dove i migliori hotel delle varie regioni di solito non superano le 3 e 4 stelle locali (non paragonabili agli standard occidentali).
  • il viaggio non è indicato in particolare per chi soffre di problemi cardio-vascolari, respiratori o di alta pressione
  • Gli spostamenti terrestri saranno piuttosto faticosi e disagevoli. Le ore di auto occuperanno spesso più della metà della giornata, e di regola su strade dissestate, molte volte solo delle piste. Si avranno sempre veicoli privatiNell’area del Pamir verrà utilizzata una Jeep ogni 3 persone; Per il resto dell’itinerario saranno previsti dei Minicoach. Il viaggio si svolge in parte su strade asfaltate e in parte su piste. Il fondo stradale, a volte danneggiato, può rendere i trasferimenti più lunghi e pesanti del previsto. I tempi di percorrenza riportati nel programma sono indicativi e dipendono dal traffico, condizioni delle strade, soste fotografiche e richieste dal gruppo.
  • L’ordine delle visite ed escursioni in ciascuna località può essere soggetto a variazioni per motivi di opportunità contingenti, senza compromettere le peculiarità del viaggio.
  • E’ senz’altro utile ricordare che, come tutti i viaggi che si svolgono in zone lontane sia geograficamente sia culturalmente dall’Europa e dalle nostre abitudini, è fondamentale una buona predisposizione all’adattamento.

Clima e abbigliamento:

Attraversando un territorio in maggioranza montuoso, in estate le temperature risultano in generale miti e gradevoli. Le giornate possono essere variabili, con temperature in media tra i 20 e i 30°, dipendendo dall’altitudine, con serate fresche e notevole escursione termica tra il giorno e la notte (di notte la temperatura può variare dai 10 ai 20° a seconda dell’altitudine). Scarpe comode con suola robusta o da trekking. Da non dimenticare: crema solare, burro cacao, occhiali da sole, cappello/berretto, repellente per gli insetti, una torcia con batterie può sempre essere utile.

In Pakistan, trattandosi di un paese musulmano, dove la religione è molto sentita, si raccomanda un abbigliamento e comportamento consoni. Preferire abiti lunghi e morbidi, evitare calzoncini corti e canottiere. Consigliamo alle donne di avere sempre a portata di mano, nello zainetto, un foulard per coprire il capo e che si rivelerà utile in un sacco di occasioni.

 

Alberghi:

Le “stelle” degli alberghi nei paesi in via di sviluppo sono indicative, ma non sono rapportabili agli standard europei. Nel programma riportiamo i nomi degli hotel che abbiamo selezionato per questo viaggio. Si tratta di strutture in genere semplici. I nomi degli hotel sono indicativi e per questioni organizzative o di forza maggiore potrebbero essere cambiati con altri di pari categoria. Gli hotel definitivi saranno comunicati all’interno del Foglio Notizie con i documenti di viaggio.

 

Bagagli:

Considerati i trasferimenti si raccomanda di portare con sé un bagaglio essenziale, riducendo il superfluo e privilegiando borsoni/trolley morbidi alle valigie rigide.

 

Cucina locale e pasti:

Essendo il viaggio piuttosto complesso e vario per le diverse aree che tocca, la cucina è anch’essa abbastanza varia. La cucina uigura, vale a dire la cucina tipica e tradizionale del Xinjiang, l’ovest cinese, è anch’essa basata sul riso e sulle carni , ma ha come tipo di carne principale quella di pecora. La cucina pakistana e` molto simile a quella dell'India settentrionale. A causa della sua vicinanza con l'Asia Centrale ed Occidentale vi si trovano anche contaminazioni da queste regioni. Molta attenzione viene data al pane. Dopo ogni pasto si sorseggia il Qehwa o kehwa, di solito servito in piccoli bicchieri, cha ha il sapore di te al gelsomino. I pasti sono  molto spesso consumati in ristoranti al di fuori degli alberghi di pernottamento . Durante i trasferimenti, là dove non vi fosse la possibilità di usufruire di  ristoranti affidabili, i pranzi potranno essere al sacco.



Condizioni di viaggio

Itinerario di viaggio


Partenza

Partenza

1° giorno, 12 AGOSTO Italia  – Istanbul - Dushanbe

Partenza  dall’Italia con volo di linea per Dushanbe, via Istanbul.

Dushanbe

Dushanbe

2° giorno, 13 AGOSTO Dushanbe

Arrivo verso le 03:00 del mattino, pratiche di frontiera ed incontro con la guida.

Trasferimento al Hilton International Hotel (4 stelle). Pernottamento.

Prima colazione. Inizio della visita della capitale, considerata la più bella del Centro Asia: Il Museo delle Antichità; il monumento di Ismail Samanid, considerato uno dei lavori più apprezzati di architettura dell’Asia Centrale; il Museo Nazionale, il variopinto bazaar ed incontro con alcuni musicisti locale presso il Gurminj Tajik Musical Instrument collection. Pasti inclusi. Pernottamento.

Kala-i-Khum

Kala-i-Khum

3° giorno, 14 AGOSTO Dushanbe – Kala-i-Khum (Km 290 – circa 9/10 ore)

Prima colazione.  Presto al mattino partenza in direzione di Kala-i-khum superando la città di Tavildara ed il Khaburabot Pass (3720 mt). La strada non è delle migliori ma offrono scenari paesaggistici emozionanti.  Arrivo a Kala-i-Khum e sistemazione all’Hotel Karun (3 stelle). Pasti inclusi. Pernottamento.

Khorog

Khorog

5° giorno, 16 AGOSTO Khorog (2123 Mt)

Pensione completa. Questa sarà una giornata più rilassante con la visita della città di Khorog, quartier generale per la regione montuosa di Badakshan.

Si esplora la città che una volta ebbe un ruolo importante nella storia imperiale russa stabilendo il loro comando e posto strategico per il Pamir. Si visiteranno i giardini botanici più alti dell’Asia, il parco cittadino ed il Museo Khorog, il bazar locale con molti prodotti provenienti dalla bassa Cina. 

Langar Hissor

Langar Hissor

6° giorno, 17 AGOSTO Khorog – Langar Hissor (2910 Mt) (Km 220)

Pensione completa. Percorrendo il lungo fiume Pyanj si potrà ammirare la catena montuosa Hindukush mentre ci si avvicina a Ishkashim, località della superba e remota Valle di Wakhan. Da sempre il Wakhan è stata una regione di grande importanza strategica, dato che si trova alpunto di incontro dell’Asia centrale ed Orientale.

Si visiterà una fortezza sopra la strada per Yamchun, che domina la valle. Si scende al villaggio per visitare il museo della casa di Sufi Muborak venerato dalla popolazione locale. Si continua sul villaggio di Vrang per vedere le rovine di una corte buddista.

Arrivo e sistemazione alla Guest House di Davlat. Pernottamento.

Khargosh Pass, Nauzatash Passe e Murghab

Khargosh Pass, Nauzatash Passe e Murghab

7° giorno, 18 AGOSTO Langar Hissor – Khargosh Pass (4344 Mt) – Nauzatash Pass(4137 Mt)-Murghab (3650 Mt) – (Km 172)

Pensione completa.   Al mattino visita del Santuario nel villaggio di Langar, interessante per le varie influenze religiose. Partenza verso un paesaggio più desolato e selvaggio, con pochi segni di vita e dove si potranno incontrare pastori che camminano a fatica attraverso gli alti pascoli, con il fiume Pamir che scorre.

Si lascerà la linea di confine afghana per avvicinarsi alla linea di confine cinese. Si attraverserà il passo Kargosh a Mt 4344, con alcune splendide viste sulle cime di Wakhan verso sud.

Dopo Alichur si attraversa un altro passo, Nauzatash 4137 Mt per entrare nella valle di Murghab.

Sistemazione all’Hotel Pamir Guest House.

Khulma Pass e Tashkurgan

Khulma Pass e Tashkurgan

8° giorno, 19 AGOSTO Murghab – Khulma Pass (Mt 4363) – Tashkurgan(Mt 3100) – (Km 225)

Pensione completa. Partenza presto per il confine cinese attraverso il Passo Khulma, dopo un tragitto di 95 Km. Si entra nella zone di confine e dopo le formalità di frontiera si procede verso Tashkurgan.

Oggi mentre si uscirà dal passo si incontrerà un’altra strada meravigliosa, l’autostrada del Karakorum, un’incredibile opera d’ingegneria che si snoda per oltre 750 Km, da Kashgar a Islamabad in Pakistan.  Si passa il lago Karakul (a circa 3.600 mt), uno specchio d’acqua turchese dominato dalla maestosa piramide di ghiaccio del Muztag-Alta(7.546 m).  Si prosegue per la cittadina di Tashkurgan, l’ultimo avamposto della Cina prima del confine con il Pakistan. Sistemazione al  Crown Inn Hotel(3 stelle).

 Khunjerab Pass, Sust Mt e Karimabad

Khunjerab Pass, Sust Mt e Karimabad

9° giorno, 20 AGOSTO Tashkurgan – Khunjerab Pass Mt 4.693- Sust Mt 2.975 (Km 120-circa 4 ore) – Karimabad(Hunza) (Km 313)

Pensione completa. Partenza verso sud attraverso l’esteso altopiano del Pamir cinese, dominato da sterminate praterie verdi dove pascolano cammelli e yak allevati da nomadi. Si raggiunge il passo Kunjerab (4.695 mt) che è stato aperto agli stranieri solo nel 1986. Improvvisamente il paesaggio cambia e si aprono strette e aspre vallate dominate da alte montagne coperte da ghiacciai. Si è nel mezzo della catena del Karakorum.

Gradualmente si scende fino a Sust (2.975 mt) punto di confine Cina-Pakistano. Si effettuano le formalità di immigrazione e dogana, si cambiano i mezzi di trasporto e si prosegue con la nuova guida pakistana verso Karimabad, capoluogo del distretto di Hunza.  Durante il trasferimento si effettueranno delle soste fotografiche per immortalare i meravigliosi paesaggi. Arrivo e sistemazione al Serena Inn (3 stelle). Pernottamento.

Hunza

Hunza

10° giorno, 21 AGOSTO Karimabad(Hunza)

Pensione completa. Intera giornata di visite nella valle dell’Hunza. Al mattino si visita il Baltit Fort, un tempo roccaforte della dinastia Ayasho e oggi meravigliosamente restaurato si impone in posizione panoramica sull’alto di un promontorio roccioso. Con pochi minuti di auto si raggiunge il villaggio “gemello” di Altit e si visita il forte di Altit e l’antica torre di avvistamento di Ganesh, il villaggio più antico nel cuore di Hunza.

Gilgit

Gilgit

11° giorno, 22 AGOSTO Karimabad(Hunza) – Gilgit (Km 110)

Pensione completa. Al mattino escursione nella valle di Nagar, considerata fra le più scenografiche della regione. Partenza per Gilgit, la principale località del Nord del Pakistan. Durante il trasferimento si effettueranno alcune soste fotografiche in alcuni interessanti villaggi.

Arrivo a Gilgit e sistemazione all’Hotel Serena(4 stelle). Nel pomeriggio visita della città, del colorato bazar e del ponte sospeso sul fiume Gilgit lungo 182 metri.

Skardu e Shigar

Skardu e Shigar

12° giorno, 23 AGOSTO Gilgit - Skardu Mt 2.228 – Shigar  Mt 2.230(Km 252)

Pensione completa.  Al mattino partenza verso la regione più densamente montuosa della valle di Skardu conosciuta anche come il piccolo Ladakh. Skardu è la città principale del Baltistan, con un carattere ed uno scenario molto interessante. E’ circondata da montagne e dune di sabbia ed è famosa per i suoi numerosi luoghi per effettuare meravigliosi trekking.  Arrivo a Shigar e sistemazione al Shigar Fort Serena lodge(4 stelle heritage-palazzo del raja locale recentemente trasformato in hotel).

NB: la strada tra Gilgit e Skardu è in costruzione, quindi il trasferimento sarà lento a causa del traffico.

Shigar

Shigar

13° giorno, 24 AGOSTO Shigar

Pensione completa. Intera giornata dedicata alla visita del villaggio di Shigar con belle passeggiate, visita della Moschea Aburiq del XIV secolo e  del Forte.  

Islamabad

Islamabad

14° giorno 25 AGOSTO Shigar – Skardu – Islamabad

Prima colazione. Trasferimento all’aeroporto di Skardu (Km 55, circa 2 ore)  e volo in classe economica per Islamabad.  Pranzo al sacco. Arrivo ad Islamabad e trasferimento privato al Serena Hotel( 4 stelle sup). Pomeriggio visita della capitale: la moschea di Faisal, la più grande dell’Asia con una capacità di 100.000 di fedeli;  il punto panoramico Shakerparian Hill; il Museo  Heritage e si costeggiano gli edifici governativi.

Cena in albergo e pernottamento.

Taxila

Taxila

15° giorno, 26 AGOSTO  Islamabad – Taxila – Islamabad (Km 72)

Pensione completa.  Intera giornata escursione e  visita del sito archeologico di Taxila, Patrimonio Mondiale dell'Umanità dal 1980. Posta nel punto di congiunzione di tre importanti rotte commerciali dell'antichità, Taxila fu annessa all'impero achemendide nel 518 a.C., fu conquistata da Alessandro Il Grande nel 326 a.C. e subì successive invasioni e conquiste. Antico centro di studi buddisti collegato alla Via della Seta, è stata anche uno dei principali centri di arte Gandhara, che qui trova una delle sue magnifiche collezioni.

Italia

Italia

16° giorno 27 AGOSTO Islamabad – Istanbul – Italia

Prima colazione.  Trasferimento privato in aeroporto e volo di rientro per l’Italia, via Istanbul

Richiedi informazioni
A partire da 5900 €

QUANDO PARTIRE


12
Agosto
5900 €

Singole
Periodi
Garantite
Disponibilità limitata
Speciale Capodanno
Partenze complete


LISTA ACCOMPAGNATORI

Accompagnatore Viaggi Dell'Elefante
Scopri di più

Lo trovi anche in